Crea sito

IRCamminare insieme


Vai ai contenuti

Menu principale:


Poesie di Pasqua

Storie > Filastrocche e poesie

La Storia del Pulcino

Co co co!
Che c’è di nuovo?
La gallina ha fatto l’uovo!
Tic tic tic!
Che c’è di nuovo?
IL pulcino è dentro l’uovo!
Tic tic tic!
Un colpo secco,
e lo rompe col suo becco.
Ecco aperto l’usciolino.
Oh! Buondì, signor pulcino!
M.P. Pasoli

Filastrocca di Pasqua

Suona suona campana,
sveglia la gente vicina e lontana,
con il tuo suono squillante e festoso
in questo giorno solenne e maestoso.
Gesù è risorto e lassù dal cielo
ci guarda, stende il suo velo;
un velo che accarezza l’anima e addolcisce il cuore
donandoci tutto il suo grande amore.
Suona campana, suona più forte,
aprite gente tutte le porte,
venite uomini, donne e bambini


E’ Pasqua

Volan le rondini
nel cielo turchino,
mentre un pulcino
zampetta nell’aia.
Cinguettano gli uccelli
nel mondo colorato
e un uovo di cioccolato
regala buffe sorprese.
Nell’aria una campana
rintocca festosa
e una Pasqua gioiosa
augura all’umanità.


Cara Pasqua ti scrivo

Un giorno presi un foglio,
color acqua,
e scrissi una lettera
alla Pasqua.
“Cara Pasqua,
finalmente sei arrivata
e la buona novella, me l’hai portata?
Non un uovo di cioccolato
o un dolce mandorlato
ma una notizia ancor più buona
quando mi arriverà?”
Qualche giorno dopo,
venne una colomba
e mi consegnò una lettera:
“Caro Luca,
son la Pasqua,
la novella te l’ho portata
ed è anche inaspettata.
Si è svegliato il buon Gesù
per serenamente parlare
e il suo messaggio
continuare a portare”.


E’ Pasqua stamattina

E’ Pasqua stamattina,
è Pasqua, mio Signore!
Per questo la collina
si sveglia tutta in fiore.
L’argento degli ulivi
illumina i declivi;
ogni fontana aspetta
con l’acqua benedetta;
campane e campanelle
sono tutte sorelle
festose, umili, chiare
cominciano a cantare.



La primavera

Primavera è ritornata
col vestito a più colori,
ha la testa inghirlandata
e un gran cesto di bei fiori.
Nidi e trilli lieta porta
e un festoso cinguettare:
la natura, che era morta,
si ridesta al suo passare.
Con la voce più sincera
ogni cuore ti saluta,
chiara e dolce Primavera:
- Benvenuta, benvenuta!…


Rallegrati

Gesù sul monte fu portato
e da solo fu lasciato,
ma egli ha perdonato
e per noi è morto addolorato
La mamma piagendo
nella buia tomba lo depose
E' già l'alba Gesù è risorto,
le donne gridano festose
I discepoli l'hanno visto vivo,
con grande commozione
Rallegrati è già Domenica,
è Pasqua di Resurrezione!


Pace e Amore

Oggi è Pasqua
risorge il Signore
doniamo a chiunque
un attimo d’amore,
che sia bianco
che sia nero
americano o iracheno,
che abiti nel deserto
o nella grande città
che viva da solo
o in comunità.
Un attimo d’amore
non costa poi tanto
basta tendere la mano
solo questa soltanto.
E se all’amore
la pace si unirà
quest’ anno la Pasqua
più bella sarà.

E’ Pasqua

Giorno di gioia
per tutto il mondo,
giorno di giochi
come il girotondo,
giorno ricco
di armonia,
giorno pieno
di allegria,
giorno di pace
nessuna guerra,
giorno d’amore
per tutta la terra,
giorno di uova
quante vuoi tu,
giorno di quando
è risorto Gesù,
giorno di dolci
a sazietà,
giorno di pace
e libertà
è un giorno di primavera
ed è arrivata la Pasqua più vera!!!


I colori della Pasqua

Pasqua e’ gialla come un pulcino,
come il collare di un cagnolino,
è rosa e allegra come un confetto,
come i bei fiori di quel rametto.
Pasqua è celeste come il mare e il cielo,
come la trama di questo velo,
è verde brillante come un bel prato,
come il trenino che ha appena sbuffato.
Pasqua è dipinta di tanti colori:
come i sorrisi dei nostri cuori.
uniamoci al coro dei Cherubini,
portiamo a casa un raggio di sole,
amiamoci l’un l’altro come Lui vuole;
sulla tavola ornata a festa
tanti fiori e frutta fresca,
un bell’uovo di cioccolata,
una colomba con la crema variegata,
un regalo, un bigliettino,
e al centro il vino rosso frizzantino.
Alziamo il calice e insieme festeggiamo:
è Pasqua, per Te Gesù brindiamo!


Il bruco e la farfalla di Roberto Piumini

Un bruco e la farfalla
Un mattino d'aprile, disse il melo:
Bruco,
esci dal materasso,
esci dal buco,
vattene a spasso in cielo,
Il bruco si risvegliò.
Senti fuori dal buco
un odore di fiori
e si mise a volare
nell'aria molle e fresca
verso i fiori del pesco.
Non era più un bruco
chiuso nel buco
ma una farfalla
libera e gialla
con due pallini uguali
nel centro delle ali.


Pasqua ridente

Bella e dolce la terra si ridesta
la primavera le ha cinto la testa
L' azzurro del cielo d'aprile
e un corteo di farfalle in cortile
C'è gioia grida festosa la coccinella
E' Pasqua risponde la campanella
Gesù è risorto facciamogli un dono
ognuno un sorriso all'altro ridona.


Torna ai contenuti | Torna al menu